Non è un documentario come i tanti sugli sportivi visti ultimamente (spesso in forma di serie, come The last dance dedicato da Netflix a Michael Jordan) il film Zlatan, ma una vera ricostruzione della vita e della carriera del campione di calcio svedese attualmente in forza al Milan. Intanto perché è tratto dalla sua autobiografia e lo stesso giocatore ha collaborato alla sceneggiatura e quindi è probabile che, a grandi linee e compatibilmente con il grado di autocelebrazione che Zlatan Ibrahimovic si è concesso, le vicende narrate corrispondano alla realtà.

L’infanzia rabbiosa e modesta in un sobborgo di Malmö e la passione per il pallone sono narrate attraverso una cornice che parte dal punto di svolta nella vita di un giocatore dotato, ma incontrollabile, cioè l’incontro con il procuratore Mino Raiola, che diventa per lui una guida anche sul piano personale, spingendolo ad abbandonare, almeno in parte, atteggiamenti e ruvidità che gli impediscono di sfondare.

Saggiamente il film si sofferma sugli anni della difficile formazione (con le difficoltà a scuola e in famiglia) fermandosi alla soglia della grande fama, ma va detto che forse per non ricamare troppo gli autori del film perdono l’occasione di costruire una vera ed entusiasmante epopea su questo personaggio “antipatico” e scomodo. Forse con più coraggio si sarebbero potute sottolineare svolte, cadute, rilanci che a volte si perdono in un racconto che perde alcune occasioni per andare a fondo nei momenti di crisi.

Le sequenze di calcio sono molto ben girate (anche se il ragazzino che interpreta Zlatan da bambino è più convincente sul paino “umano” e attoriale del giovane calciatore che gli dà corpo all’adulto), ma bisogna vedere se basterà questo ad allargare il potenziale pubblico di una pellicola sportiva che invece con una drammaturgia più forte (che non significa finzione, ma lavoro sui “personaggi” come dimostra proprio il documentario su Jordan) avrebbe avuto l’occasione di disegnare il percorso di un (anti)eroe spavaldo dei nostri giorni.

Luisa Cotta Ramosin0

Clicca qui per rimanere aggiornato sulle nuove uscite al cinema

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Sentieri del cinema