Tratto dal bestseller di Janet Fitch, un melodramma gonfio e vacuo al tempo stesso. Ci sono tutti gli elementi e i temi che potrebbero interessare un pubblico maturo: la madre possessiva e psicologicamente violenta, l'affidamento, l'America di provincia con le sue nequizie… Ma il film non ha spessore e sembra più che altro un home video finito per sbaglio al cinema: dialoghi e situazioni sono sotto la media.,Brava però la giovane Alison Lohman e soprattutto Michelle Pfeiffer. Ma è una bravura che sembra sprecata, di fronte a un film che tratta temi complessi e importanti con superficialità.