Dopo una prima puntata sui film di genere drammatico e un extra su quelli dedicati alle famiglie, eccoci di nuovo per un terzo appuntamento con VISIONI DOC, questa volta dedicato alla commedia!

Come per le puntate precedenti ci siamo concentrati su Netflix e Amazon Prime Video, che possiedono un’offerta più ampia; ma è possibile trovare qualche chicca interessante anche sulle piattaforme on demand ad accesso libero come Rai Play e su quelle a noleggio, come Google Play, Youtube, Chili, dove potete acquistare film singoli – anche di recentissima uscita – e vederli in streaming con comodità.

Ecco le recensioni flash di alcuni film, e subito sotto l’elenco più esteso dei nostri consigli!

La grande scommessa di Adam McKay (2015) con Christian Bale, Brad Pitt, Marisa Tomei, Ryan Gosling, Steve Carell (Netflix). Due anni prima della crisi finanziaria causata dal tracollo del mercato immobiliare americano, il manager Michael Burry osserva l’andamento delle borse americane e si rende conto che la crisi è imminente. Profetizzando un crollo previsto per la metà del 2007, decide trarre profitto dalla catastrofe sfruttando un sistema di copertura del rischio di credito che gli consenta di scommettere contro l’ancora fiorente mercato immobiliare. All’arrivo del collasso lui e un altro paio di loschi figuri saranno pronti a incassare. Con La grande scommessa, la vera sorpresa è (finalmente) riuscire a capire di cosa parlano gli operatori finanziari quando parlano di soldi e investimenti. Trattando di temi drammaticissimi con tono ironico, linguaggio immediato e un cast stellare, il film di McKay lancia inoltre un messaggio forte e chiaro anche a chi di Borsa non capisce pressoché niente: per troppo tempo un lassismo tollerato dagli organi di controllo ha fatto sì che i risparmi delle classi sociali inferiori evaporassero, lasciando la gente letteralmente in mezzo a una strada. La curiosa ma approfondita caratterizzazione dei personaggi rende poi la percezione del tutto molto più accattivante, rendendo godibile e addirittura appassionante un tema classicamente studiato da pochi specialisti.

Lasciati andare di Francesco Amato (2017) con Toni Servillo, Carla Signoris, Carlo De Ruggieri, Giacomo Poretti, Luca Marinelli (Netflix). Elia Venezia è uno psicanalista ebreo non praticante, separato della porta accanto e in buoni rapporti con l’ex moglie, che gli fa il bucato ed esce con lui a teatro e a cena. Venezia maltratta i pazienti o li ascolta distratto mentre di nascosto mangia (troppi) dolci. Quando esagera, il corpo gli manda segnali inquietanti: il responso del medico è dieta ferrea e palestra. In questa occasione conoscerà una giovane personal trainer spagnola che si offre per sedute personali a domicilio. Dal loro rapporto e da incroci più o meno incredibili con altri personaggi si darà il via a storie intricate di inganni, amori e inattesi colpi di scena. Il terzo film di Francesco Amato è una deliziosa commedia che mescola riferimenti all’umorismo yiddish a un cast di attori perfettamente diretti e a una storia accattivante, regalando al pubblico una preziosa e matura occasione d’intrattenimento. Insieme alla comicità “di corpo” e di parola ci sono però anche interessanti spunti sulle relazioni coniugali e sull’importanza di quei rapporti capaci di offrirsi l’aiuto reciproco a rimettersi in carreggiata, per poi riprendere a tornare sulla propria strada più sicuri.

Lady Bird di Greta Gerwig (2018), con Laurie Metcalf, Saoirse Ronan, Lucas Hedges e Timothée Chalamet (Amazon Prime Video). Lady Bird è una diciassettenne esplosiva che vive a Sacramento ed è costretta a frequentare l’ultimo anno del suo cattolicissimo liceo di provincia; il suo desiderio di vivere avventure straordinarie si scontra con una routine fatta di genitori affettuosi ma poco comprensivi, ristrettezze economiche e una buona dose di disavventure adolescenziali. L’opera d’esordio della regista e sceneggiatrice Greta Gerwig attraversa intenzionalmente tutti i percorsi tipici della storia di formazione, ma è molto più di un teen movie. La forza della storia sta soprattutto nei suoi personaggi non convenzionali e nelle strepitose interpretazioni delle attrici protagoniste; nelle situazioni che possono essere divertentissime o incredibilmente serie, ma che rimangono sempre credibili e reali. È il sapore profondamente autobiografico di questa commedia a svelarci, ancor più della finzione narrativa, quanto sia bello e difficile essere figli e genitori; quanto l’appartenenza ad un luogo sicuro e familiare sia determinante per la nostra esistenza anche quando ci allontaniamo da esso.

Starbuck – 533 figli e… non saperlo! di Ken Scott (2011), con Patrick Huard (Amazon Prime Video). David Wozniak è un eterno adolescente, che a quarant’anni suonati ancora tira a campare, arrangiandosi con lavoretti part-time e guadagni più o meno legali. Una di queste prodezze, però, gli costa cara: oltre un centinaio di figli suoi, nati grazie alle donazioni alla banca del seme, vogliono conoscere l’identità del genitore biologico. Affiancato da un amico e improbabile avvocato, David si dovrà destreggiare non solamente tra cause legali, ma anche tra responsabilità e possibilità nuove generate da questa strada, tutta da scoprire, della paternità. Il film di Ken Scott è una simpatica commedia che viene dal Canada: una storia che sa rimanere lontana – nonostante qualche sbavatura – da umorismo grossolano o scivoloni paternalistici, a cui la premessa potrebbe prestarsi. Al contrario, entrando nel mondo di David troviamo una familiarità fatta di paure, leggerezze ma anche premure tutte umane. Lo spunto rimane attuale, con un padre che a sua volta, insieme a una schiera di figli, deve scoprire qual è la sua identità.

La pazza gioia di Paolo Virzì (2016), con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti, (Rai Play). Beatrice e Donatella non potrebbero essere più diverse, ma sono accomunate da una cosa: sono entrambe ospiti di una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali. La loro fuga insieme dà il via a una sarabanda di problemi e ostacoli, ma anche alla scoperta di avere in comune molto più di quanto pensino. Il regista Paolo Virzì regala allo spettatore due protagoniste che rimangono nel cuore, grazie al rapporto strano e speciale che le lega e grazie alle interpretazioni, toccanti e memorabili, delle attrici. Un film divertente e coinvolgente grazie alla capacità degli autori di guardare all’essenza dei personaggi, che hanno sbagliato e sbagliano ma sempre cercando, solamente, uno sguardo buono su di loro che permetta di ripartire.

Se Dio vuole di Edoardo Falcone (2015), con Marco Giallini e Alessandro Gassman (Rai Play). Un figlio che vuol entrare in seminario scatena la reazione del padre, che vede nel sacerdote “ispiratore” un pericoloso nemico: il genitore, cardiochirurgo ateo, farà di tutto per screditare il magnetico don Pietro agli occhi del ragazzo, nel tentativo di fargli cambiare idea. Una commedia semplice ma decisamente frizzante e originale quella dell’esordio alla regia di Edoardo Falcone, che racconta con coraggio e intelligenza un tema serio come l’esistenza di Dio. Il duetto Giallini-Gassman regala subito scintille, aprendo a un confronto vero, divertente – ma anche profondo e senza difese – tra i due personaggi principali.

Piccoli EXTRA fuori piattaforma:

Su Google Play o Youtube trovate a noleggio anche film di più recente uscita, come il bellissimo Jojo Rabbit di Taika Waititi (2020), con Roman Griffin Davis, Sam Rockwell, Scarlett Johannson, Taika Waititi, Thomasin McKenzie. Jojo Betzler è un ragazzino di dieci anni che vive con la madre in un paesino della Germania nazista nel 1945. La guerra è agli sgoccioli e mentre il Reich inizia a sfaldarsi il giovane Jojo, si prepara a unirsi alla Jungvolk, un corpo militare di piccoli soldati pronti a dare la vita per il proprio paese. Quando uno sfortunato incidente gli impedisce di prendere parte alla battaglia sul campo, la sua visione della realtà inizierà a cambiare. Impressionante talento del regista nel fare parodia, profonda e intelligentissima, di una delle più grandi tragedie del ventesimo secolo, senza mai dimenticarsi l’importanza di un percorso di umanità e coraggio che coinvolge tutti i personaggi protagonisti e li guida verso la riscoperta di una quotidianità fatta di comprensione e condivisione con il prossimo.

Altra chicca di recente uscita che fa parte dello stesso catalogo offerto da Google e Youtube è La Belle Époque  di Nicolas Bedos (2019) con Daniel Auteuil, Denis Podalydès, Doria Tillier, Fanny Ardant, Guillaume Canet. Una commedia sentimentale declinata in una salsa spregiudicata e sofisticata, servita da un magnifico cast a partire dai protagonisti, la coppia “scoppiata”, Marianne e Victor: psicoterapeuta al passo con i tempi nuovi e la tecnologia lei, fumettista perso nella nostalgia dei bei tempi andati e in difficoltà con Internet lui. Accanto a loro Antoine, proprietario di un’azienda capace di ricreare per chiunque l’epoca che desidera, si tratti di una cena con Maria Antonietta a Versailles o di una sbronza con Hemingway nella Parigi dell’ante guerra. A metà tra i giochi di ruolo e la vera e propria messa in scena cinematografica, le storie che Antoine crea servono a recuperare sé stessi o a diventare per un po’ qualcun altro, ma per Victor saranno l’occasione di ripercorrere la sua storia d’amore con Marianne e di recuperare la creatività perduta. La “belle époque” del titolo, è infatti il momento perfetto, dentro o fuori la propria vita, l’età dell’oro tutta personale di cui ciascuno magari segretamente ha nostalgia.

Su Chili è disponibile, per acquisto o a noleggio, la delicata commedia The Farewell – Una bugia buona di Lulu Wang (2019), con la rapper americana e attrice emergente Awkwafina. La trentenne Billi torna in Cina dall’America per dare un ultimo saluto alla nonna, a cui restano pochi mesi di vita. La famiglia, però, ha deciso di tenere segreto il referto medico, per non turbare la nonna. Tutti sono d’accordo tranne Billi: la nonna non merita di sapere la verità? Mantenere il segreto, però, non sarà facile… Una commedia delicata e sincera, quella della regista e sceneggiatrice Lulu Wang: si respira da subito come ci sia una storia vera dietro alla trama e ai protagonisti, rappresentati con grande umanità e tenerezza. Non mancano momenti di alleggerimento, e alcuni aspetti della mentalità cinese possono rivelarsi più vicini di quanto si pensi: non c’è solo la bugia buona detta per “alleviare” la sofferenza altrui, ma anche l’ansia da prestazione, la paura di mostrarsi come falliti. Ma sulle preoccupazioni della nipote può vincere un diverso punto di vista: quello della nonna terminale ma piena di vitalità, con il suo legame alle tradizioni che non le impedisce di incoraggiare i parenti a cercare la propria strada. A qualsiasi latitudine si trovi.

Altre commedie da non perdere, sulle stesse piattaforme:

NETFLIX

The Wolf of Wall Street

Quasi amici

Il lato positivo

American Hustle

Tutto può cambiare

Panama Papers

Sole a catinelle

The Meyerowitz Stories

The Truman Show

Smetto quando voglio

Midnight in Paris

50 e 50

Mr. & Mrs. Smith

Misterioso omicidio a Manhattan

Benvenuti al sud

Julie and Julia

Space Jam

School of Rock

La guerra di Charlie Wilson

Una serie di sfortunati eventi

Snatch – lo strappo

Un piedi piatti a Beverly Hills

La famiglia Addams

Lo stagista inaspettato

Baby Driver

Come ti ammazzo il bodyguard

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato

Operazione U.N.C.L.E.

The Breakfast Club

Hitch – lui sì che capisce le donne

17 anni (e come uscirne vivi)

Lui è tornato

La famiglia Belièr

La prima cosa bella

The Interview

Miss Detective

Il principe cerca moglie

Ace Ventura

I nuovi mostri

Scuola di polizia

50 volte il primo bacio

Faccio un salto all’Avana

L’eccezione alla regola

Ammore e malavita

Spy Kids

Pee Wee’s Big Holiday

21

Se mi lasci ti cancello

Prova a prendermi

E alla fine arriva Polly

Ricomincio da tre

Ghostbusters (2016)

The founder

Lei

Ragione e sentimento

What Women Want

A piedi nudi nel parco

 

AMAZON PRIME

Ritorno al futuro

Notting Hill

Forrest Gump

Don’t worry (he won’t get far on foot)

Paterson

Taxi Teheran

Non c’è due senza quattro

Compagni di scuola

Perdiamoci di vista

Il favoloso mondo di Amelie

L’uomo che uccise don Chisciotte

Operazione sottoveste

Sing street

American Life

La parte degli angeli

A spasso nel bosco

Il mio amico Eric

Il concerto

The Artist

Il grande Lebowski

Ocean’s Eleven

Ti presento i miei

Tully

 

RAI PLAY

Banana

Scialla!

Tutto quello che vuoi

 

MEDIASET PLAY

La leggenda di Al, John e Jack

Tre uomini e una gamba

Chiedimi se sono felice

Tu la conosci Claudia?

 

a cura di Roberta Breda e Letizia Cilea