Si è conclusa le vie del cinema, la manifestazione che ha presentato i film della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia nei cinema di Milano.
In 8 giorni di manifestazione, oltre 4.500 spettatori hanno frequentato le 14 sale coinvolte, per un tasso di occupazione del 58%. 9 proiezioni hanno registrato il sold out. Gli incontri con autori (6) e le presentazioni (10) a cura di critici e giornalisti cinematografici hanno reso più ricca e attrattiva la programmazione. Tra i titoli più apprezzati: Quo Vadis, Aida? di Jasmila Žbanić, The Man Who Sold His Skin di Kaouther Ben Hania Premio Orizzonti per la Migliore Interpretazione Maschile, Nuevo Orden di Michel Franco Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria, Nowhere Special di Uberto Pasolini e Mandibules di Quentin Dupieux.

Dall’analisi del questionario di gradimento proposto al pubblico, sono emersi dati significativi circa l’esperienza in sala. Il 24% dichiara di aver partecipato per la prima volta all’iniziativa, questo a dimostrazione della voglia di tornare al cinema, e al 30% degli spettatori è mancato poter frequentare quel particolare luogo durante il lockdown. Altro aspetto fondamentale è legato al tema della sicurezza: l’obbligo della mascherina e il distanziamento fisico risultano per l’85% degli spettatori le misure maggiormente rassicuranti.
Alla domanda “Quali sono le ragioni per cui consiglierebbe ad un amico di tornare al cinema?” in molti hanno risposto perché in questo momento è molto più sicuro di altri luoghi.

«L’edizione 2020 ci ha confermato» afferma il presidente AGIS/ANEC lombarda, Domenico Dinoia «che la magia del grande schermo è insostituibile. Il pubblico ha riconosciuto il valore culturale della proposta e si è sentito rassicurato dalle precauzioni adottate nei cinema. I risultati positivi de le vie del cinema sono la prova che il rapporto spettatore-sala è solido. Questo ci fa guardare al futuro con maggiore fiducia nonostante le difficoltà contingenti».

Nella foto: Quo Vadis, Aida? è stato uno dei film più apprezzati dal pubblico della rassegna milanese