Siamo agli sgoccioli della Festa del Cinema di Roma, che si conclude domenica 27 ottobre. A una settimana dall’uscita nei cinema è stata presentata nella sezione Alice nelle città Il giorno più bello del mondo, nuova commedia di Alessandro Siani. Arturo Meraviglia (Siani) è un impresario teatrale sull’orlo del fallimento e inseguito dai creditori; un lontano zio gli lascia in eredità due bambini estremamente beneducati, uno dei quali, arricciando il naso, è in grado di usare la telecinesi. Gli spettacoli magici del nuovo pupillo risanano la situazione economica di Meraviglia, e potrebbero risollevare le sorti del teatro fatiscente. Un gruppo di pericolosi ricercatori scientifici, tra cui c’è l’affascinante e ignara dottoressa Flavia, reclama tuttavia la presenza del bambino nel proprio istituto per poterne “monitorare” la salute…

Con una commedia che mette in campo magia, emozioni, un team di cattivissimi e uno di improbabili eroi, Siani esce dalla propria comfort zone per rivolgersi a un target composto da bambini e famiglie. La commedia, però, rimane troppo napoletana – divertenti alcune scene, mentre altre rimangono al limite dell’incomprensione linguistica per un pubblico più settentrionale – e con una trama che, nonostante un avvio simpatico, si rivela molto pasticciata. Un peccato sono specialmente i personaggi stereotipati, tra i quali spicca il pessimo ruolo di Leigh Gill, clown dalla profonda umanità in Joker di Todd Phillips, ridotto qui ad essere un nano “brutto e cattivo” (di pessimo gusto le prese in giro a suo danno). (Roberta Breda)

***

Angela Dachille, madre di Santa Scorese

Rosso è il colore del sangue. Rosso è il colore del martirio. Con un vestito rosso Santa Scorese è stata sepolta. Aveva 23 anni, nel 1991, quando un ragazzo instabile mentalmente la accoltellò, dopo mesi di persecuzione e di pedinamento. Santa subito è il documentario diretto da Alessandro Piva (regista di Lacapagira, Mio cognato) e presentato oggi al festival nella selezione ufficiale, primo dei dieci titoli prodotti da Fondazione Con il Sud e Apulia Film Commission. Il cielo splendente, il mare blu di Bari, le panchine occupate da innamorati restituiscono al documentario il mondo che Santa abitava, quella realtà semplice dove tutti si conoscono e dove Santa ha scoperto quanto può essere importante rischiare per Dio.

Le pagine del suo diario, lette da una brava Federica Torchetti («sono sicura che il Signore chiede e poi dà»), sono intime, a volte per pudore non si vorrebbe ascoltarle, ma restituiscono parte del mondo interiore di Santa (che avrebbe voluto consacrarsi nelle Missionarie dell’Immacolata Padre Kolbe) e hanno facilitato l’apertura del processo di beatificazione nel 1999 fino alla convalidazione avvenuta nel 2000 (ora è “Serva di Dio”). «Ho deciso di raccontare questa storia – spiega Alessandro Piva nelle note di regia – e di farlo attraverso le voci di amici e parenti di Santa, chiedendo loro di parlarne come fosse ancora in vita, tornando agli anni in cui Santa progettava con entusiasmo il suo futuro. Questa storia è dedicata proprio a chi rimane solo con il suo dolore, dopo lo sgomento di un lutto subitaneo e assurdo».

Il film, dalla durata di poco meno di un’ora, spiazza per la diversità di voci: non osanna la religione come unica via per la felicità, né ironizza sulla devozione e sulla scelta, controcorrente, di darsi totalmente a Dio. Santa subito è un film che rivela la profondità delle inquietudini di una ragazza, del suo desiderio di rendere la vita bella, anche a costo del sacrificio, e dell’assenza che il suo omicidio genera. Un’assenza che è in realtà una presenza continua nella vita dei familiari e delle persone, anche distanti dalla Chiesa, che hanno trovato nell’amicizia di Santa un conforto e un amore gratuito. (Emanuela Genovese)

 

 

Le precedenti  puntate del nostro diario dalla Festa del Cinema di Roma:

https://www.sentieridelcinema.it/roma-orsi-amici-boss/

https://www.sentieridelcinema.it/storie-vere-si-fanno-apprezzare/

https://www.sentieridelcinema.it/scorsese-un-evento-lascia-segno/

https://www.sentieridelcinema.it/norton-detective-convincente/

https://www.sentieridelcinema.it/due-storie-due-stili-diversi/