Melenso e ricattatorio, con molti buchi nella sceneggiatura ed una psicologia dei personaggi appena accennata, Mi chiamo Sam è il tentativo mal riuscito di rinverdire i fasti del cinema americano della malattia (Rain Man, Risvegli). Buone musiche e bravo, come sempre, Penn.