Proseguendo nella tradizione di film molto più riusciti di questo (vedi soprattutto “Chocolat” con la coppia Binoche-Depp o “La fabbrica di cioccolato” di Tim Burton), torna sul grande schermo uno dei dolci più amati al mondo.,“Lezioni di cioccolato” di Claudio Cupellini (al debutto dietro la cinepresa) non è niente di più di una simpatica commedia italiana con buoni sentimenti e un occhio al sociale (la sicurezza sul lavoro, il confronto culturale fra datore di lavoro italiano e operaio extracomunitario).,Il protagonista della storia, l’imprenditore edile Mattia (Luca Argentero), per evitare la denuncia dell’operaio egiziano Kamal (Hassani Shapi), accetta di prendere il suo posto in tutto e per tutto; in particolare oggetto del “ricatto” dell’operaio è la partecipazione di Mattia ad un corso per maestri nell’arte del cioccolato fingendosi lui (Kamal infatti in Egitto era un pasticciere molto stimato, e per riuscire a farsi una carriera anche in Italia ha bisogno di un diploma per la produzione di cioccolato).,Inizialmente molto restio a partecipare, col passare delle lezioni Mattia prenderà via via gusto alla sfida, stimolato anche dalla compagnia nel corso di Cecilia (Violante Placido) che accetta di fargli da tutor. Obbligato a mettersi totalmente in discussione, Mattia scoprirà una nuova passione (per il cioccolato), troverà l’amore (con Cecilia), e ritroverà se stesso.,Si fa notare soprattutto la presenza di Hassani Shapi (già interprete dello “Jedi” in Star Wars Episodio I: La minaccia Fantasma), bravo nelle sue pantomime un po’ clownesche dell’immigrato sfruttato ma anche furbo, affiancato da un cast che tutto sommato si fa apprezzare: soprattutto il protagonista Luca Argentero, bravo nel triplo ruolo di cinico imprenditore edile, operaio egiziano e cioccolataio, uno dei tanti balzato sotto le luci dei riflettori grazie ad un reality televisivo (2003, terza edizione de “Il grande fratello”), che però in pochi anni è riuscito a introdursi nel mondo dello spettacolo che conta, prima facendo parte del cast della fiction “Carabinieri”, poi nel 2005 debuttando al cinema con Francesca Comencini e infine consacrandosi con un discreto ruolo in “Saturno contro” di Ferzan Ozpetek. Non male anche Violante Placido, credibile nei panni di una complessata compagna di corso di Mattia.,Nell’insieme è un film che si può vedere, senza grandi aspettative.,Cristiano Fieramonti,