Ne La donna del fiume, un fotografo si innamora di Meimei, una donna misteriosa che lavora in un locale e di cui non conosce il passato. Sa solo che ogni tanto scompare senza dire dove va, per poi fare ritorno. E se fosse lei Moudan, la ragazza di cui si innamorò perdutamente il giovane corriere Mardar e che scomparve nel fiume Suzhou?

Girato nel 2000, è arrivato nei cinema italiani dopo un restauro La donna del fiume – Suzhou River del regista Lou Ye. Il fiume Suzhou attraversa Shanghai ed è lì che viene ambientata questa storia di un amore impossibile, un melò calato nella metropoli cinese ai giorni nostri. Il film si apre con scene di vita e volti che abitano le acque e le rive di un fiume sporco, inquinato ma imprescindibile per le persone che nel fiume trovano una ragione di vita. Un inizio molto documentaristico e che colpisce lo spettatore. La storia scivola poi nel dramma d’amore. Ci sono due piani di racconto. Quello del fotografo-narratore, che non compare mai e che riprende in soggettiva – con ampio utilizzo della camera a mano – tutti i momenti della sua relazione con Meimei. E poi c’è il piano della storia di Mardar e Moudan che occupa abbondantemente la parte centrale del film. Una storia che si dipana nei vicoli malfamati, poco illuminati e respingenti di una Shanghai non certo da cartolina. È proprio l’ambientazione cittadina e fluviale del film la parte più interessante della storia; è la fotografia a incuriosire lo spettatore piuttosto che il riuscire a sapere alla fine se Moudan sia in realtà la misteriosa Meimei e quale sarà il destino di Mardar o del fotografo-narratore. La donna del fiume non è un film lineare e ha uno stile “sporco” diametralmente opposto a quello curatissimo e patinato di In the Mood For Love di Wong Kar Wai che uscì lo stesso anno. Merito comunque alla piccola società di distribuzione Wanted quello di aver proposto all’attenzione degli spettatori il lavoro di un regista che ha all’attivo oltre dieci lungometraggi ma che rimane conosciuto solo al pubblico dei festival.

Stefano Radice

Clicca qui per rimanere aggiornato sulle nuove uscite al cinema

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Sentieri del cinema