In Corro da te Gianni ha quasi 50 anni; è un imprenditore di successo (dirige un’azienda che produce scarpe da corsa), cinico ed egoista, ed è un seduttore incallito, passando da una ragazza all’altra. Un giorno, mentre è a casa della madre morta da poco, si trova per caso seduto sulla sua sedia a rotelle; nell’appartamento irrompe la vicina Alessia che lo invita a casa sua per un pranzo. Lo scopo è quello di fargli incontrare Chiara, la sorella paraplegica, ottima musicista e giocatrice di tennis. Gianni, con il consueto modo di fare da sbruffone, scommette con gli amici che riuscirà a conquistarla…

Riccardo Milani scrive (insieme a Furio Andreotti e Giulia Calenda), il remake della commedia francese Tutti in piedi. Il film ruota principalmente sul confronto tra Gianni (Pierfrancesco Favino) e Chiara (Miriam Leone). È il personaggio di Chiara a giganteggiare per coerenza, spessore morale e serietà nei sentimenti rispetto a Gianni, sostanzialmente un macho immaturo che punta solo a conquistare una ragazza dopo l’altra e che non si ferma neanche davanti alla moglie di uno dei suoi amici (ogni conquista è una scommessa vinta); un uomo, inoltre, che ha una visione del mondo dei disabili a dir poco infantile. Un personaggio fastidioso, soprattutto in questi tempi post scandalo Weinstein che, però, durante il film matura e si redime grazie proprio a Chiara. Corro da te è senza dubbio anche un film sulla affettività dei disabili, una commedia garbata che cerca di far sorridere su un tema comunque non facile da trattare ma è soprattutto un film sulla maturazione di un quasi cinquantenne che da persona infantile riesce a redimersi grazie proprio a una donna diversamente abile che gli cambia la visione del mondo. Riccardo Milani traspone a Roma il racconto francese ricalcandone praticamente tutte le scene. Tutti in piedi, però, si faceva apprezzare per una maggior incisività nel modo di porre i temi e anche per la caratterizzazione dei personaggi. Nel film italiano il racconto si sviluppa in modo un po’ troppo piatto; è soprattutto Miriam Leone a primeggiare rispetto a un Pierfrancesco Favino, bravo per carità, che sembra giocare un po’ troppo con il suo personaggio. Brave le figure coprotagoniste, a cominciare da Luciana, la segretaria di Gianni, impersonata dalla bravissima Vanessa Scalera apprezzata recentemente ne L’Arminuta e Diabolik e da Dario (Pietro Sermonti), l’unico amico che cerca di portare Gianni sulla strada di una maggior serietà (cameo anche per Michele Placido). Corro da te è tutto sommato interessante e girato con mestiere (ma non bisogna aver visto l’originale francese).

Stefano Radice

Clicca qui per rimanere aggiornato sulle nuove uscite al cinema

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Sentieri del cinema