L’uomo fedele

L’uomo fedele

- in AL CINEMA, FILM, INTERESSANTE
1491
Commenti disabilitati su L’uomo fedele

Un uomo, lasciato otto anni prima dalla sua donna per il suo miglior amico, la ritrova al funerale di lui. Ricomincia la passione, ma non senza ostacoli…

Download PDF

Abel ama Marianne, ma non si accorge che lei ama un altro. E quando glielo dice, gentile e brutale, che ama il suo amico Paul e che aspetta in figlio da lui, lo choc è notevole. Come lasciare all’improvviso la loro casa e sapere che si sposeranno a breve. Dopo 8 anni Paul muore all’improvviso, e i due si rivedono al funerale. In breve la passione ricomincia e Abel va di nuovo a vivere con Marianne. Ma ora c’è anche il figlio Joseph, che va in giro dicendo che la madre ha ucciso il padre: perché? Sa qualcosa o lo fa per gelosia, al fine di spaventare Abel e toglierselo di torno? Intanto quella che era la sorellina di Paul, da sempre innamorata di Abel, ora è una giovane e bella donna ossessionata da lui e decisa a conquistarlo, strappandolo a Marianne…

Per Louis Garrel, volto del cinema francese noto anche in Italia (nonché figlio dell’anziano regista Philippe, che si formò alla fine degli anni 60), L’uomo fedele è il suo secondo film da regista, scritto insieme a Jean-Claude Carrière. Un film brevissimo per i nostri standard (un’ora e un quarto) ma densissimo di fatti e parole, ondivago nei toni tanto da risultare spiazzante. Certe scene drammatiche inclinano velocemente al buffo e al comico (con un sottofondo di grottesco), fin dalla prima scena dell’abbandono che vede in pochi minuti il protagonista passare dall’approccio positivo a una nuova giornata a deprimersi per essere sbattuto fuori di casa. Così avverrà in altri snodi (la giovanissima Eve – interpretata da Lily-Rose Depp, figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis – che va nell’ufficio di Abel dichiarandogli, in modo rumoroso e goffo, di amarlo; Marianne che costringe Abel ad avere un’avventura, e magari una storia, con Eve), con il tentativo di attualizzare certe modalità della nouvelle vague cui aderì il padre Philippe che un po’ incuriosisce, un po’ risulta anacronistico e stucchevole. Come il triangolo – grande passione dei francesi – su cui poggia il film, che vede Abel sballottato tra le sue donne, incerto sui propri sentimenti e in balia di quello altrui.

Ma se i vari interpreti, a cominciare da Garrel e da Lily-Rose Depp, sono credibili e funzionano (un po’ meno Letitia Casta, moglie di Garrel nella vita, non del tutto a suo agio in un ruolo che richiedeva maggior talento), molto meno lo è il meccanismo generale, che entusiasma chi vuole vedere a tutti i costi la nouvelle vague ai nostri tempi. Non che sia brutto il film, anzi, e qualche spunto arguto lo regala. Ma il tiramolla – che si conclude con un finale beffardamente conciliatorio – non è esaltante e i 75’ sembrano durare molto di più. Soprattutto, le troppe sequenze con voce fuori campo che riflette sui fatti (i tre personaggi a turno) appesantiscono la narrazione, che invece risulta più intrigane in alcune belle scene senza parole. Senza contare il pre-finale che vorrebbe essere leggero ma è solo goffo, con l’irruzione di Abel in Senato per cercare Marianne. E se il personaggio più interessante è quello del piccolo Joseph, alla fine L’uomo fedele ci sembra solo un discreto film, che difficilmente rimarrà nei nostri ricordi.

Luigi De Giorgio