Land of Mine – Sotto la sabbia

Land of Mine – Sotto la sabbia

- in AL CINEMA, CONSIGLIATO, FILM
5543
Commenti disabilitati su Land of Mine – Sotto la sabbia

Al termine della II guerra mondiale, a un gruppo di soldati tedeschi prigionieri dell’esercito danese viene affidato un compito terribile.

Download PDF

Nel maggio del 1945 la Germania capitola dopo la conquista di Berlino da parte degli Alleati. Contemporaneamente in Danimarca a quasi duemila soldati prigionieri tedeschi (gli ultimi arruolati, quasi tutti poco più che adolescenti) viene ordinato di cominciare a sminare le spiagge danesi, lungo le quali l’esercito nazista aveva posato, nascondendole a pochi centimetri dalla superficie, la spaventosa cifra di due milioni di mine antiuomo e anticarro.

Fin da subito il film ci pone davanti, sobriamente ma spietatamente, a un comportamento feroce e ispirato a una giustizia che ha l’amaro gusto della vendetta. Gli ufficiali dell’esercito danese trattano i prigionieri tedeschi come animali, senza ombra di rispetto o compassione per il fatto di essere stati arruolati a forza e non avere oggettivamente alcuna responsabilità per quanto è stato fatto ai danesi; il desiderio di rivalsa dopo essere stati oggetto dell’invasione nazista e aver dovuto subire anche lo scempio dei propri confini ha la meglio su qualsiasi sentimento di umanità. Così, a essere sacrificati senza alcuna comprensione, vera carne da macello, saranno ragazzi ai quali viene negato il ritorno a quel che resta delle loro famiglie in un paese devastato. I figli dovranno pagare per le colpe dei padri, saranno vittime espiatorie di crimini che non hanno commesso. Saranno moltissimi a perdere la vita scavando la sabbia con le mani per trovare gli ordigni esplosivi e disinnescarli, di fronte all’indifferenza o allo scherno di uomini cui non importa niente del loro destino.

Paradossalmente il film di Zandvliet riesce a far provare più orrore in questa disumana normalità che nelle poche volte in cui mostra un’esplosione. Eppure, in questo quotidiano orrore che si svolge in pieno sole e in estate, su spiagge che reclamerebbero pacifici bagnanti invece che ordigni di morte, uno sprazzo di umanità è ancora possibile, quando un sottoufficiale, il sergente Rasmussen (Roland Møller) non riesce più a sopportare di comportarsi così spietatamente. Non tutti sono accecati dall’odio, non tutti si piegano al conformismo della vendetta. Andando contro regole e consuetudini, sarà ancora possibile guardarsi in faccia per quello che si è, vedere oltre le divise nemiche. Mostrare che, dopo la guerra, si può ricostruire.

 

Beppe Musicco

About the author