John Wick – Capitolo 2

John Wick – Capitolo 2

- in AL CINEMA, FILM, MEDIOCRE
349
Commenti disabilitati su John Wick – Capitolo 2
John Wick 2

Il killer John Wick vorrebbe ritirarsi a vita privata con la sua auto e il suo cane, ma deve pagare un pegno e fare un ultimo favore al boss Santino…

Download PDF

John Wick (Keanu Reeves), spietato killer assassino, ha deciso di ritirarsi. Ha firmato una pace alla sua maniera – ovvero ammazzando decine di criminali – con la mafia russa e ora vuole un po’ di pace: stare nella sua lussuosa casa nel ricordo dell’amata moglie morta, accudire un cane senza nome e aspettare che un amico gli ripari l’adorata auto semidistrutta. Invece niente: Wick ha un pegno da pagare a Santino D’Antonio, un boss italiano che vive a New York (impersonato da Riccardo Scamarcio) che gli chiede di uccidere la sorella Gianna (Claudia Gerini) per sedersi al suo posto al tavolo che conta della criminalità. Wick, pur riluttante, è costretto ad accettare, ma finirà in un mare di guai con centinaia di killer alle calcagna che vogliono eliminarlo.

Quello di David Leitch è un b-movie action prevedibile dall’inizio alla fine, che poggia tutto sulle spalle di Reeves che riempie lo schermo con il suo fisico anche un po’ appesantito ma non privo di fascino. E però la sceneggiatura è davvero debole, lo spessore psicologico dei personaggi è al minimo e quasi tutto il film ruota attorno alle peripezie di John Wick che prima deve pagare il suo pegno e poi difendersi da Santino che, dopo aver fatto uccidere la sorella, non può non vendicarla… Tutto molto scontato. Scene, duelli, omicidi si seguono a ripetizione, tanto da diventare quasi stucchevoli. Un po’ troppo poco, a nostro avviso, per un film di genere che ha sicuramente i suoi cultori soprattutto in chi aveva apprezzato il primo capitolo su John Wick e che allo spettatore non lascia molto una volta usciti dal cinema. Il film è diviso in due parti: una prima a New York e una seconda a Roma (ben immortalata nei suoi scorci più classici), anche se la storia si chiude di nuovo nella Grande Mela. Purtroppo non si fa particolarmente apprezzare Scamarcio, un po’ a disagio nei panni del boss; mentre più di livello l’interpretazione di Claudia Gerini che, però, rimane in scena poco. Da segnalare il cameo di Franco Nero, direttore di un affascinante e lussuoso hotel romano per criminali, e di Laurence Fishburne, il Morpheus di Matrix, di nuovo insieme a Reeves. La scena migliore? Quella finale quando a Wick viene data un’ora per mettersi in salvo dalla furia della camorra e della criminalità mondiale. Ce la farà? Soprattutto, ci sarà un John Wick – Capitolo 3?

Stefano Radice

About the author