Facciamola finita

Facciamola finita

- in ARCHIVIO, FILM
4890
Commenti disabilitati su Facciamola finita

Un gruppo di giovani e famosi attori di Hollywood è alla festa per l’inaugurazione della nuova casa di uno di loro, quando una terribile scossa di terremoto dà l’inizio alla fine del mondo.

Download PDF

Bisogna ammettere che in quanto ad autoironia, Facciamola finita non scherza affatto. Gli attori che recitano nel film non solo interpretano se stessi, ma lo fanno in una versione molto più stupida, meschina e demenziale di quanto probabilmente siano nella realtà. Fin dall’inizio, con l’arrivo di Jay Baruchel a Los Angeles a casa di Seth Rogen, sembra che gli unici interessi delle nuove leve di Hollywood siano bere, sballare e usare i videogiochi. Per il resto, i rapporti umani sono improntati all’ipocrisia (vedi Jonah Hill) e all’utilitarismo, come appare da subito a casa di James Franco, molto compreso a compiacersi della sua nuova villa e della raccolta di arte contemporanea che dovrebbe farlo apparire come un colto collezionista. Ma l’arrivo della fine del mondo, annunciata con uno spaventoso terremoto che praticamente rade al suolo l’intera città, rende la casa di Franco l’unico luogo sicuro, dove però bisogna fare i conti col poco cibo e acqua rimasti, e con l’apparizione di demoni orribili che, evidentemente, ce l’hanno coi sopravvissuti. Girato senza risparmiare in effetti speciali (specie quelli splatter che mostrano la morte di alcune delle star), Facciamola finita ha dalla sua momenti di grande ilarità e di grande volgarità (come quasi tutti i film di Rogen e Goldberg), che preferiamo lasciare all’immaginazione o alla visione dei lettori. L'unica cosa certa è che il paradiso come se lo immaginano i due registi risulterebbe insopportabile già dopo il primo quarto d’ora.,Beppe Musicco

About the author