David, Dogman e gli altri

David, Dogman e gli altri

- in EDITORIALI, IN EVIDENZA, NEWS
463
Commenti disabilitati su David, Dogman e gli altri

Dietro al film di Garrone, con 15 candidature, seguono Martone (13), Guadagnino e Sorrentino (12). Tutte le nomination dei massimi premi italiani

Download PDF

Dogman di Matteo Garrone su tutti, con 15 candidature, seguito da Capri – Revolution di Mario Martone con 13 e da Chiamami col tuo nome di Luca Gudagnino e da Loro di Paolo Sorrentino con 12. Sono state rese note da Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell’Accademia del Cinema Italiano, le candidature della 64a edizione dei Premi David di Donatello, la cui cerimonia di premiazione si terrà mercoledì 27 marzo. I film i gara erano tutti quelli usciti al cinema dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018, votati dai componenti della Giuria dell’Accademia del Cinema Italiano. Oltre ai film già citati sono stati maggiormente votati Lazzaro felice di Alice Rohrwacher e da Sulla mia pelle di Alessio Cremonini con 9, da Euforia di Valeria Golino con 7, da La terra dell’abbastanza di Fabio e Damiano D’Innocenzo con 4, da A casa tutti bene di Gabriele Muccino, Fabrizio De AndréPrincipe libero di Luca Facchini e Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis con 3. Alla spicciolata un’altra dozzina di titoli con una sola candidatura.

Potete leggere un commento alle candidature e sulla situazione del nostro cinema che ne deriva sul nostro spin-off Viva il Cinema!

 

L’elenco di tutte le nomination

Miglior film

  • Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino
  • Dogman di Matteo Garrone
  • Euforia di Valeria Golino
  • Lazzaro felice di Alice Rohrwacher
  • Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

Miglior regia

  • Mario Martone per Capri-Revolution
  • Luca Guadagnino per Chiamami col tuo nome
  • Matteo Garrone per Dogman
  • Valeria Golino per Euforia
  • Alice Rohrwacher per Lazzaro felice

Miglior regista esordiente – Premio Gian Luigi Rondi

  • Luca Facchini per Fabrizio De André – Principe libero
  • Simone Spada per Hotel Gagarin
  • Fabio e Damiano D’Innocenzo per La terra dell’abbastanza
  • Valerio Mastrandrea per Ride
  • Alessio Cremonini per Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura originale

  • Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti – Dogman
  • Francesco Marciano, Valia Santella e Valeria Golino – Euforia
  • Fabio e Damiano D’Innocenzo – La terra dell’abbastanza
  • Alice Rohrwacher – Lazzaro felice
  • Alessio Cremonini e Lisa Nur Sultan – Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura non originale

  • James Ivory, Luca Guadagnino e Walter Fasano – Chiamami col tuo nome
  • Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo e Paolo Virzì – Ella & John
  • Stefano Mordini e Massimiliano Catoni – Il testimone invisibile
  • Oscar Glioti, Valerio Mastandrea, Johnny Palomba e Zerocalcare – La profezia dell’armadillo
  • Nicola Guaglianone e Luca Miniero – Sono tornato

Miglior produttore

  • Chiamami col tuo nome
  • La terra dell’abbastanza
  • Lazzaro Felice
  • Sulla mia pelle

Migliore attrice protagonista

  • Marianna Fontana – Capri-Revolution
  • Pina Turco – Il vizio della speranza
  • Elena Sofia Ricci – Loro
  • Alba Rohrwacher – Troppa grazia
  • Anna Foglietta – Un giorno all’improvviso

Migliore attore protagonista

  • Marcello Fonte – Dogman
  • Riccardo Scamarcio – Euforia
  • Luca Marinelli – Fabrizio De André – Principe libero
  • Toni Servillo – Loro
  • Alessandro Borghi – Sulla mia pelle

Migliore attrice non protagonista

  • Donatella Finocchiaro – Capri-Revolution
  • Marina Confalone – Il vizio della speranza
  • Nicoletta Braschi – Lazzaro felice
  • Kasia Smutniak – Loro
  • Jasmine Trinca – Sulla mia pelle

Migliore attore non protagonista

  • Massimo Ghini – A casa tutti bene
  • Edoardo Pesce – Dogman
  • Valerio Mastandrea – Euforia
  • Ennio Fantastichini – Fabrizio De André – Principe libero
  • Fabrizio Bentivoglio – Loro

Miglior autore della fotografia

  • Michele D’Attanasio – Capri-Revolution
  • Sayombhu Mukdeeprom – Chiamami col tuo nome
  • Nicolai Brüel – Dogman
  • Paolo Carnera – La terra dell’abbastanza
  • Hélène Louvart – Lazzaro felice

Migliore musicista

  • Nicola Piovani – A casa tutti bene
  • Sascha Ring e Philipp Thimm – Capri-Revolution
  • Michele Braga – Dogman
  • Nicola Tescari – Euforia
  • Lele Marchitelli – Loro
  • Mokadelic – Sulla mia pelle

Migliore canzone originale

  • L’invenzione di un poeta – A casa tutti bene
  • Araceae – Capri-Revolution
  • Mistery of love – Chiamami col tuo nome
  • ‘A speranza – Il vizio della speranza
  • ‘Na gelosia – Loro

Miglior scenografo

  • Giancarlo Muselli – Capri-Revolution
  • Samuel Deshors – Chiamami col tuo nome
  • Dimitri Capuani – Dogman
  • Emita Frigato – Lazzaro felice
  • Stefania Cella – Loro

Miglior costumista

  • Ursula Patzak – Capri-Revolution
  • Giulia Piersanti – Chiamami col tuo nome
  • Massimo Cantini Parrini – Dogman
  • Loredana Buscemi – Lazzaro felice
  • Carlo Poggioli – Loro

Miglior truccatore

  • Alessandro D’Anna – Capri-Revolution
  • Fernanda Perez – Chiamami col tuo nome
  • Dalia Colli e Lorenzo Tamburini – Dogman
  • Maurizio Silvi – Loro
  • Roberto Pastore – Sulla mia pelle

Miglior acconciatore

  • Gaetano Panico – Capri-Revolution
  • Manolo Garcia – Chiamami col tuo nome
  • Daniela Tartari – Dogman
  • Aldo Signoretti – Loro
  • Massimo Gattabrusi – Moschettieri del re – La penultima missione

Migliore montatore

  • Jacopo Quadri e Natalie Crisitani – Capri-Revolution
  • Walter Fasano – Chiamami col tuo nome
  • Marco Spoletini – Dogman
  • Gigiò Franchini – Euforia
  • Chiara Vullo – Sulla mia pelle

Miglior Suono

  • Capri-Revolution
  • Chiamami col tuo nome
  • Dogman
  • Lazzaro felice
  • Loro

Migliori effetti visivi

  • Capri-Revolution
  • Dogman
  • Il ragazzo invisibile – Seconda generazione
  • La befana vien di notte
  • Loro
  • Michelangelo – Infinito

Miglior documentario

  • Arrivederci Saigon
  • Friedkin Uncut
  • L’arte viva di Julian Schnabel
  • La strada dei Samouni
  • Santiago, Italia

Miglior film straniero

  • Bohemian Rapsody
  • Cold War
  • Il filo nascosto
  • Roma
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri

A questi premi si aggiungono: un David Giovani, che sarà votato da una giuria nazionale di tremila studenti degli ultimi due anni delle scuole secondarie di secondo grado;  un Premio David per il miglior cortometraggio italiano assegnato da un’apposita comissione; un David dello Spettatore, assegnato per la prima volta al film, uscito entro il 31 dicembre, che avrà totalizzato il maggior numero di spettatori e presenze (calcolate entro la fine di febbraio). Oltre ai David Speciali che verranno annunciati successivamente.

About the author