CHI SIAMO

LA NOSTRA STORIA


Queste pagine dedicate al cinema nascono da un desiderio: comunicare ad altri un certo modo di guardare al cinema. Il cinema affascina ognuno di noi perchè in esso ritroviamo momenti di verità e bellezza sinceri, non come mero estetismo ma come “specchio del vero”. Del cinema intravediamo, inoltre, le grandi possibilità educative: con il linguaggio, immediato e familiare, delle immagini si può colpire e coinvolgere chiunque abbia voglia e curiosità di scoprire (e perchè no?, imparare) qualcosa di nuovo.

Questa curiosità noi l’abbiamo imparata e quotidianamente la impariamo: vogliamo stimolare altri ad avere lo stesso tipo di approccio libero da pregiudizi o etichette. Per storia personale o impegni professionali, ci passa davanti agli occhi quasi tutta la produzione cinematografica; ne deriva un’occasione fortunata di conoscenza, che cerchiamo di mettere a disposizione di altri amici, spesso disorientati di fronte ai film reclamizzati da cinema, mass media e Tv. Una massa di immagini e film di fronte alla quale sarebbe facile prendere le distanze. L’esperienza però ci dice che umanamente è molto più interessante vagliare tutto e trattenere, giudicando, ciò che vale. In questa continua opera di confronto tra quello che vediamo e il nostro cuore, non disprezziamo nulla, convinti che si possano sorprendere (essendone sorpresi) sprazzi di verità ovunque, anche dove meno te l’aspetti. E poche cose sono più entusiasmanti di raccontare a chi ci sta a cuore la bellezza scoperta quasi per caso. Così ci avviene ogni giorno con il cinema.

Per questi motivi, a chi vive una responsabilità educativa vogliamo in particolare proporre percorsi “di ricerca” divisi per cicli scolastici ed età, in un rapporto che preveda informazioni, consigli di visione, mattinate e discussioni insieme. E soprattutto, la condivisione di questa curiosità per la bellezza e la verità.

I PRIMI SOCI


Maurizio Giovagnoni, Silvestro Plumari, Simone Fortunato, Francesco Tremolada, Beppe Musicco, Antonio Autieri, Luca Beltrami, Rocco Fiumara, Jacopo del Campo, Claudio Villa