Berlino, si parte con Wes Anderson

Berlino, si parte con Wes Anderson

- in EDITORIALI, IN EVIDENZA, NEWS
865
Commenti disabilitati su Berlino, si parte con Wes Anderson
Isle of Dogs di Wes Anderson

Prima puntata del nostro diario dal festival tedesco (15-25 febbraio)

Download PDF

Il festival di Berlino è partito e ancora una volta si affida allo stile inimitabile e alla fantasia di Wes Anderson (lo aveva già fatto qualche anno fa con il meraviglioso e surreale Grand Budapest Hotel) per l’apertura di questa edizione. Il film animato Isle of dogs (che in Italia uscirà a maggio 2018) si avvale di un cast di doppiatori veramente da red carpet: Bryan Cranston, Bill Murray, Greta Gerwig, Liev Schreiber, Jeff Goldblum, tutti presenti alla conferenza stampa e pronti a cantare in coro gli auguri di compleanno al piccolo attore giapponese che con loro ha dato voce a questa avventura sci-fiction molto sui generis. Anderson aveva già sperimentato la tecnica della stop-motion in Fantastic Mr Fox, un film che a dispetto del suo protagonista animale (allora a doppiarlo era George Clooney) era più indirizzato al pubblico adulto che a quello dei bambini. Qui la storia di un ragazzino che va alla ricerca del suo cane – in un’isola piena di spazzatura dove tutti i cani sono stati esiliati – parrebbe avvicinarsi di più al pubblico giovane, ma Anderson non si fa mancare nessuna delle sue deliziose manie, omaggiando in modo intelligente  la cultura e il cinema giapponese.

Nella giornata di apertura viene presentato anche il recente vincitore del Goya, The Bookshop di Isabelle Coixet. Tratto da un romanzo di Penelope Fitzgerald, ambientato nel 1959 in una cittadina sulla costa inglese e interpretato da un cast tutto british (tra cui Emily Mortimer e Bill Nighy), il film della Coixet sembra uno strano campione per il massimo premio del cinema spagnolo; e, per la verità, è più elegante che davvero coinvolgente.

Da domani il concorso ingrana per davvero e vedremo se anche quest’anno Berlino sarà riuscita a scovare qualche cavallo di razza. Intanto, la prossima settimana, i cinema di Postdammer Platz e dintorni si dedicheranno anche alle serie televisive, che da qualche anno sono arrivate sotto i riflettori anche qui (Jane Campion aveva presentato la prima stagione di Top of the Lake), prima di raggiungere Cannes e Venezia. Una mossa previdente da parte di un festival che negli anni ha mostrato un gran fiuto anche per il lato più popolare del grande schermo.

Laura Cotta Ramosino

Il trailer di Isle of Dogs di Wes Anderson, che ha inaugurato il Festival di Berlino

About the author