Anteprime e grandi ospiti a Bari

Anteprime e grandi ospiti a Bari

- in EDITORIALI, IN EVIDENZA, NEWS
410
Commenti disabilitati su Anteprime e grandi ospiti a Bari
teatro-petruzzelli-bifest

L’ottava edizione del Bif&st, dal 22 al 29 aprile, diretto da Felice Laudadio. Incontri, masterclass, retrospettive e tantissimi nuovi film

Download PDF

Il Bif&st 2017, ottava edizione del Bari International Film Festival, si terrà da sabato 22 a sabato 29 aprile 2017. Promosso da Regione Puglia e  Comune di Bari, e prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission, il festival vede dalla sua fondazione alla guida il direttore Felice Laudadio, mentre il nuovo presidente è la regista Margarethe von Trotta, dopo la scomparsa di Ettore Scola (mantenuto come presidente onorario, a significare il grande legame con il festival). Un festival che ha nel legame con il pubblico il suo punto di forza: «Dovremo far fronte – ha dichiarato Laudadio – alle proteste di chi non riesce a prendere i biglietti per i nostri appuntamenti: i 300 abbonamenti disponibili nel primo giorno di vendita si sono volatilizzati in poche ore». Tanti film, poche star per motivi di budget: «Non ci possiamo permettere di invitare dagli Stati Uniti le star, ma è più importante vederle sullo schermo; le vere star sono i film. Anche quelli italiani, che a bari ha trovato a casa come si vede dalla massiccia presenza di attori e registi».

Anteprime internazionali

Vastissimo come sempre il programma. Nove le anteprime internazionali, una a sera, nel bellissimo Teatro Petruzzelli: La tenerezza di Gianni Amelio, Miss Sloane (Miss Sloane – Giochi di potere) di John Madden, Unlocked (Codice Unlocked) di Michael Apted, Going in Style (Insospettabili sospetti) di Zach Braff, 20th CENTURY WOMEN di Mike Mills, Get Out (Scappa) di Jordan Peele, Le divan de Staline di Fanny Ardant, Return to Montauk di Volker Schlöndorff, Gifted (Gifted – Il dono del talento) di Marc Webb.

Panorama internazionale

In questa sezione verranno presentati 10 film in concorso in anteprima italiana o internazionale: una giuria del pubblico, composta da 30 spettatori selezionati e presieduta dall’attrice, sceneggiatrice e regista Chiara Caselli, attribuirà i premi al miglior regista, al miglior attore protagonista e alla migliore attrice protagonista. Questi i titoli in gara: An Ordinary Man di Brad Silberling (Usa),

Carole Matthieu di Louis-Julien Petit (Francia), Land of the Gods di Goran Paskaljevic (India-Serbia), El otro hermano di Israel Adrián Caetano (Argentina-Francia-Spagna-Uruguay), En amont du fleuve di Marion Hänsel (Belgio- Paesi Bassi-Croazia), Gold di Stephen Gaghan (Usa), Die nacht der 1000 stunden di Virgil Widrich (Austria-Lussemburgo-Paesi Bassi), Their Finest di Lone Scherfig (Regno Unito), Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni  (Italia), Unless di Alan Gilsenan (Canada-Irlanda).

ItaliaFilmFest/Lungometraggi. I premi

La giuria composta da 9 critici italiani ha invece già valutato i film italiani della stagione in corso e attribuito i seguenti riconoscimenti (che verranno assegnati nelle serate al Petruzzelli):

  • Claudio Giovannesi – Premio Mario Monicelli per il miglior regista per Fiore
  • Attilio De Razza e Pierpaolo Verga – Premio Franco Cristaldi per il miglior produttore per Indivisibili di Edoardo De Angelis
  • Ficarra e Picone, Edoardo De Angelis, Nicola Guaglianone, Fabrizio Testini – Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto per L’ora legale di Ficarra e Picone
  • Francesca Archibugi, Paolo Virzì – Premio Luciano Vincenzoni per la migliore sceneggiatura per La pazza gioia di Paolo Virzì
  • Valeria Bruni Tedeschi – Premio Anna Magnani per la migliore attrice protagonista per La pazza gioia di Paolo Virzì
  • Riccardo Scamarcio – Premio Vittorio Gassman per il miglior attore protagonista per Pericle il nero di Stefano Mordini
  • Barbara Ronchi – Premio Alida Valli per la migliore attrice non protagonista per Fai bei sogni di Marco Bellocchio
  • Francesco Acquaroli – Premio Alberto Sordi per il miglior attore non protagonista per Sole cuore amore di Daniele Vicari
  • Enzo Avitabile – Premio Ennio Morricone per il miglior compositore delle musiche per Indivisibili di Edoardo De Angelis
  • Rocco Marra – Premio Giuseppe Rotunno per il miglior direttore della fotografia per Falchi di Toni D’Angelo
  • Marco Dentici – Premio Dante Ferretti per la migliore scenografia per Fai bei sogni di Marco Bellocchio
  • Marco Spoletini – Premio Roberto Perpignani per il miglior montaggio per Falchi di Toni D’Angelo
  • Massimo Cantini Parrini – Premio Piero Tosi per i migliori costumi per Indivisibili di Edoardo De Angelis.

 ItaliaFilmFest – Opere prime e seconde

 Una giuria del pubblico composta da 30 spettatori selezionati e presieduta da Klaus Eder, segretario generale della Fipresci (la Federazione mondiale dei critici di cinema), attribuirà ai film italiani selezionati in concorso prescelti fra le migliori opere prime e seconde – inedite o uscite in sala o passate nei festival internazionali entro fine marzo 2017 – i premi per il regista della migliore opera prima o seconda, per la migliore attrice protagonista e per il miglior attore protagonista. In gara in questa sezione:

  • I figli della notte di Andrea De Sica (O.P.)
  • In guerra per amore di Pierfrancesco Diliberto-Pif (O.S.)
  • Il padre d’Italia di Fabio Mollo (O.S.)
  • La guerra dei cafoni di Davide Barletti e Lorenzo Conte (O.S.)
  • La ragazza del mondo di Marco Danieli (O.P.)
  • Le ultime cose di Irene Dionisio (O.P.)
  • Omicidio all’italiana di Maccio Capatonda (O.S.)
  • Orecchie di Alessandro Aronadio (O.S.)
  • Il permesso di Claudio Amendola (O.S.)
  • Smetto quando voglio – Masterclass di Sydney Sibilia (O.S.)
  • Socialmente pericolosi di Fabio Venditti (O.P.)
  • Taranta on the road di Salvatore Allocca (O.P.)

Ma il Bif&st è noto anche per gli incontri e le retrospettive. Sempre molto affollate le masterclass mattutine (sempre dopo una proiezione legata all’artista che poi incontrerà il pubblico): nove quest’anno, una al giorno, da Andrej Konchalovskij che porterà il suo film più recente, Paradise (Leone d’argento a Venezia), a Alessandro Gassmann, dall’attrice Greta Scacchi a Pupi Avati (dopo il suo capolavoro Una gita scolastica), da Carlo e Enrico Vanzina che ricorderanno il padre Steno presentando il suo libro Sotto le stelle del ’44 (appena pubblicato dal Centro Sperimentale di Cinematografia in occasione dei 100 anni dalla nascita del grande regista) a Dario Argento, da Fanny Ardant e Margarethe von Trotta impegnate in una conversazione a due voci all’attore e produttore francese Jacques Perrin fino al regista Volker Schlöndorff.

In programma altri incontri, laboratori (su montaggio e formazione teatrale) e retrospettive, tra cui quella “incrociata” dedicata a Vittorio Gassman e Dino Risi: in cartellone 34 film interpretati dal grande attore, 12 dei quali diretti da Risi.

 

About the author

Scrivo di cinema dal 1992. E dal 1994 dirigo giornali, giornalini, ora testate on line...